Bio

CarloAlberto Biazzi nasce a Cremona e si laurea in Lettere e Filosofia con la specializzazione in Scienze e Tecnologie delle Arti e dello Spettacolo, indirizzo regia, all’università di Brescia. Segue, poi, il corso “Write for the movies” a Londra sulla scrittura cinematografica e due master di sceneggiatura al Centro Sperimentale di Cinematografia. Nel 2010 gira il suo primo lungometraggio indipendente “Il viaggio di Simone”, che vince un premio speciale come miglior sceneggiatura. Nel 2012 è il momento del fantasy “Al di là del mondo”, un film metaforico sui giovani che hanno ancora voglia di sognare, e nello stesso anno gira il cortometraggio “L’attesa”.

Il 2013 è l’anno dell’horror “Il bosco dei sorrisi erranti”, un corto che vince il “Pistoia Film Festival” ed è in concorso a “CortoCinema”, mentre il 2014 è la volta de “Ricordi di un partigiano”, un cortometraggio d’epoca realizzato grazie al contributo della Film Commission Lombardia e di alcune personalità importanti del panorama cinematografico.

Nel 2016 scrive e dirige il cortometraggio “Il padre di mia figlia”, con Giulio Scarpati e fotografia di Luciano Tovoli che viene presentato al Festival di Cannes e ad altri festival internazionali.

A  novembre 2014 esce in libreria il suo primo romanzo “L’ultima luna di febbraio”, edito da Edizioni del Rosone.
A giugno 2017 è disponibile in tutte le librerie il suo secondo libro, un giallo intitolato “La stella a quattro punte” di Novecento Editore.

I lavori cinematografici sono lavori indipendenti e non hanno una distribuzione effettiva.